Immagine
 ego... di paola
 
"
Nemmeno il calvinismo più rigoroso può cambiare la natura maschile. Gli uomini olandesi saranno anche due release sopra gli italiani, ma non c'è verso di fargli capire che i vestiti sporchi non volano da soli nella cesta della biancheria.

"
 
\\ Baci da Tulipland : Storico per mese (inverti l'ordine)
Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.

Di paola (del 30/04/2016 @ 20:25:50, in diario, linkato 785 volte)
Oggi è il mio primo sabato libero da quando la biblioteca di Heumensoord in cui ho prestato servizio come volontaria ha aperto i battenti il 14 dicembre. Il campo profughi più grande e più discusso d’Olanda chiuderà ufficialmente domani ma l’ultimo pullman è partito ieri. Sono passati poco meno di otto mesi da quando è stata data la notizia che Nijmegen avrebbe ospitato 3000 rifugiati siriani, eritrei, afghani e iraniani in una tendopoli nella riserva naturale di Heumensoord al confine tra Nijmegen, Malden e Heumen. Da quel giorno la mia vita ha preso una direzione inaspettata: mi sono sentita direttamente chiamata in causa come abitante di Nijmegen e come sostenitrice del diritto di asilo per queste persone dilaniate da una guerra senza fine e ho sentito che tutto quello in cui professavo di credere era messo alla prova.

In questi otto mesi la città in cui vivo ha dimostrato di essere all’altezza della chiamata aprendo le porte delle proprie case, i propri armadi e i propri cuori a tutti coloro che avevano bisogno di aiuto. Abbiamo donato una quantità inaudita di abiti, biancheria, articoli da toeletta, medicine, biciclette; abbiamo fornito incessante compagnia, supporto, lezioni di lingua e infine valigie a tutti gli abitanti del campo che sono rimasti bloccati da inesplicabili lungaggini burocratiche per tutti questi mesi. Si sono mobilitati più di mille volontari attraverso i canali ufficiali, altrettanti attraverso canali ufficiosi. Praticamente quasi tutti i volontari con cui sono entrata in contatto in questi mesi avevano un “doppio lavoro” come volontari al servizio del COA (Centro Nazionale Accoglienza) e come organizzatori di iniziative spontanee quando il beneplacito del COA ha latitato.

In questi otto mesi ho conosciuto persone splendide, persone con grinta e spirito d’iniziativa ammirevole, persone che non si sono mai fatte scoraggiare dai muri burocratici, persone che hanno reso possibile il miracolo: quando i profughi sono stati fatti migrare in campi meglio organizzati, sono andati via carichi di vestiti nuovi, con le indispensabili biciclette e una infarinatura di base sulla lingua e sulla cultura olandese. Molti di loro hanno esportato anche lo spirito d’iniziativa e l’energia dei cittadini di Nijmegen: la biblioteca di Heumensoord è stata riaperta a Blauwestad (Groningen) e un sorridente bibliotecario eritreo ci ha mandato la sua foto. Ci arrivano messaggi di ringraziamento e di amicizia da tutti i campi profughi d’Olanda e perfino un tributo su Facebook dai parenti e dagli amici dei rifugiati sparsi in giro per il mondo: #dankjeNijmegen.

Per capire l’immensità del compito provate a pensare che tremila persone sono arrivate a Nijmegen con niente più dei vestiti che avevano addosso quando erano partite dalla loro patria e sono state rinchiuse in una tendopoli dove veniva fornito loro solo un posto letto in camere da otto, bagni in comune, tre pasti caldi al giorno e articoli da toeletta razionati. Il COA non aveva il budget per fornire vestiti, scarpe, biancheria e qualsiasi altro accessorio. Il campo distava mezz’ora dal centro di Nijmegen ma i profughi non avevano i soldi per poter prendere l’autobus, ne’ tantomeno per poter comperare un pacchetto di sigarette o un caffè. I tre pasti forniti dal servizio di catering erano confezionati secondo rigide norme igieniche, ma completamente privi di gusto. A parte una sala con quattro TV e il wifi in tutto il campo non c’era assolutamente nessun gioco o passatempo. Non c’era ne’ scuola ne’ asilo nido per i bambini, non c’era nemmeno un tavolo per leggere o scrivere o disegnare, senza contare che non c’erano ne’ libri ne’ quaderni, ne’ penne, ne’ matite. Non c’era NIENTE.

Prima che vi scagliate sull’inadeguatezza del servizio, come hanno abbondantemente fatto giornalisti, volontari e profughi in questi otto mesi, dovete sapere che in origine il campo era stato pensato come transito per chi aveva fatto richiesta di asilo ed era in attesa di risposta. I profughi che arrivavano a Heumensoord erano già stati registrati nei centri di prima accoglienza e a tutti era stato comunicato che la permanenza al campo di transito sarebbe durata al massimo quattro settimane. Le polemiche sono iniziate quando è stato evidente che le quattro settimane sarebbero diventate almeno quattro mesi e infine più di sei per la stragrande maggioranza degli ospiti. Il campo non era stato pensato per un’accoglienza così lunga e dopo Natale le proteste di volontari e profughi erano talmente forti che si è mosso addirittura il garante dei diritti civili, con un’ispezione che ha dato un verdetto poco lusinghiero sulle condizioni di vita all’interno del campo.

Grazie a quel verdetto però la legislazione è stata cambiata. Adesso i campi profughi in Olanda sono organizzati per l’accoglienza sul medio-lungo periodo, con dimensioni ridotte, maggiore privacy e servizi ampliati, e i governi locali stanno stanziando fondi per l’integrazione dei rifugiati nella società olandese: scuole, corsi di lingua e possibilità di lavoro volontario anche per chi è in attesa di risposta. Sì, lavoro volontario, perché la protesta più grande in questi otto mesi non ha riguardato la mancanza di denaro o privacy, ma la impossibilità di poter occupare il tempo di attesa in un’attività produttiva. La maggioranza dei profughi voleva semplicemente avere qualcosa da fare per far passare la giornata: c’erano cuochi che imploravano di poter aiutare in cucina, barbieri che chiedevano di poter tagliare barbe e capelli, contadini che volevano coltivare gli orti urbani ma nessuno di questi ha potuto farlo (almeno ufficialmente) perché la legislazione non lo prevedeva. Adesso la legislazione lo prevede e prevede perfino che i profughi siano smistati nei piccoli centri di accoglienza sparsi su tutto il territorio secondo le affinità professionali col territorio stesso.

Non solo la capacità di ammettere e imparare dai propri errori è uno dei tratti più ammirevoli dell’Olanda ma la democrazia diretta qui è una realtà. La legislazione è stata cambiata a tempo record perché tutti i volontari di Heumensoord sono stati invitati a partecipare a un workshop per dare suggerimenti alla giunta comunale su come organizzare il prossimo campo profughi e le nostre raccomandazioni sono state spedite al parlamento per l’integrazione nazionale. Ipso facto. Il COA ci ha pubblicamente ringraziato in più occasioni e la giunta comunale ha addirittura dato il premio “cittadino dell’anno” al fondatore della pagina facebook “Welcome to Nijmegen” che è stata la piattaforma di tutte le iniziative private intorno a Heumensoord. Tutti i volontari aderenti ai vari gruppi di lavoro sono poi stati premiati individualmente con una torta. Le torte sono state tutte condivise con gli ospiti di Heumensoord, perché la reazione unanime è stata: “non torte ma opere di bene”.

E che ho fatto io? A parte il lavoro ufficiale alla biblioteca di Heumensoord, ho organizzato la festa di Sinterklaas insieme ad altre quattro meravigliose donne, sono andata in Germania a comperare scatoloni di shampoo, sapone, schiuma da barba e deodorante che ho distribuito clandestinamente a tutti quelli che lo hanno chiesto, ho portato di nascosto da mangiare a una camerata di rifugiati quando piangevano per l’obbrobrio del cibo in mensa, ho invitato a cena a casa mia otto rifugiati siriani in svariate occasioni, ho portato in giro per la città gli stessi e ho offerto caffè a non so più quanti, ho regalato vestiti, sciarpe, guanti, scarpe, pigiami, materassi, sedie, tavoli, biciclette, borse, libri, quaderni, lucchetti per la bici, pile e lampadine, batterie, giocattoli e giochi da tavolo e settimana prossima andrò a trovare i miei nuovi amici nei loro nuovi campi di accoglienza per vedere come stanno. Ho fatto esattamente quello che hanno fatto tutti gli altri volontari e molto meno di quello che hanno fatto gli organizzatori di tutte le attività con cui abbiamo cercato di alleviare la sofferenza di tutti questi esseri umani traumatizzati. Questo periodo di incredibile impegno e emozione si chiude così, ma a settembre ci aspetta la nuova sfida: il centro di accoglienza concepito secondo i nostri suggerimenti.

Non vedo l’ora.

(articoli correlati: Refugees, Blind Date, Sinterklaas@Heumensood)
 
Di paola (del 06/04/2016 @ 10:36:46, in diario, linkato 779 volte)
Concita de Gregorio ha recentemente scritto che il silenzio è l置nica forma di dissenso ormai concessa nella cacofonia di insulti incrociati che sono diventati i social networks. Nell置ltimo mese mi sono quindi concentrata sul mondo al di fuori dallo schermo dello smartphone e ho concluso che la distanza del mondo analogico dal mondo digitale è veramente grande, per nostra fortuna.

Nel mondo analogico la gente si incontra, si parla, si sorride, si aiuta e si sostiene a vicenda. Non occorre fare la volontaria al locale centro assistenza profughi per incontrare belle persone; basta una visita al museo per godere di un inaspettato scambio culturale con visitatori casuali in vena di chiacchiere e perfino un pranzo random tra colleghi, fitto di scambi di opinioni sulle questioni più mondane, si rivela utile perché sapere l段ndirizzo giusto per trovare pantaloni e magliette che non si dissolvano al contatto con il suolo o con il detersivo migliora la qualità della vita almeno quanto la visione dei capolavori di Jeronimus Bosch.

Grazie ad uno di questi scambi di opinioni sono anche riuscita a leggere un libro che consiglio caldamente, Plato and platypus walk into a bar: uno spassosissimo compendio di storia della filosofia raccontata attraverso una serie di barzellette esemplificative. Una di queste riguarda il dissenso insanabile tra atei e religiosi. Il dissenso è insanabile perché le due categorie umane hanno una visione del mondo totalmente opposta: le prime credono che l置omo abbia inventato dio e le seconde che dio abbia inventato l置omo. Una discussione tra atei e religiosi è pertanto completamente inutile perché non cè alcun argomento comune su cui poter discutere, come mirabilmente illustrato da questa barzelletta:

Una donna molto pia esce tutte le mattine di casa e declama: 泥io sia lodato!
Il suo vicino di casa ateo le risponde tutte le mattine: 哲on cè nessun dio.
Questa storia va avanti anni e anni e ad un certo punto la pia donna si trova in tali difficoltà finanziarie da non potersi più nemmeno permettere di comperare cibo con cui sfamarsi. Allora esce di casa e implora dio di darle il cibo che le manca.
Il giorno dopo davanti alla sua porta cè un sacchetto pieno di cibo fresco. La pia donna ringrazia dio del miracolo e a questo punto il vicino ateo esce di casa e dice: 的l cibo l檀o comprato io: non cè nessun dio. La donna non batte ciglio e declama: 泥io sia doppiamente lodato: per avermi dato questo cibo e per averlo fatto pagare a Satana.

ネ quindi chiaro perché ogni dibattito sui social sia perfettamente inutile e si trasformi presto in gazzarra da stadio. Non ci può essere dialogo tra persone con visioni opposte del mondo e infatti nel mondo analogico queste persone non vengono mai in contatto e se lo fanno l段ncontro dura generalmente il tempo necessario per capire che aria tira e darsela a gambe. Nel mondo digitale invece queste persone sembrano caparbiamente alla ricerca della rissa continua. La barzelletta di cui sopra non ci dice come ha reagito l誕teo all置ltima invocazione della donna ma basterebbe metterla su Facebook per saperlo. Volontari?

Se il dissenso tra atei e religiosi è insanabile, altri dissensi lo sono molto meno. Ad esempio il pernicioso dibattito vegani contro carnivori. Qui il punto di incontro cè perché entrambi i gruppi sono interessati alla salute personale ma non ci si trova d誕ccordo sulle modalità. Uno studio medico recentissimo, pubblicato il 29 marzo nella rivista Molecular Biology and Evolution, ci viene incontro.

Questo studio dimostra che la capacità di processare i grassi omega 3 e 6 contenuti nei vegetali è appannaggio esclusivo di coloro che possiedono nel loro patrimonio genetico un particolare genoma. Queste persone si trovano prevalentemente in Asia e Africa e solo in minima parte in Europa e Nord America. Questa è la ragione per cui la maggioranza degli europei non può beneficiare di una dieta vegetariana o vegana.
Lo studio continua ipotizzando che la maggior incidenza del genoma in questione presso le popolazioni asiatiche e africane sia dovuta alla tradizionale dieta che privilegia cibi di origine vegetale e quindi nel corso dei secoli ha selezionato naturalmente le persone provviste del genoma più appropriato.
Questa ipotesi non è nuova: l誕vevo infatti letta almeno una trentina di anni fa in un libro di antropologia. Credo che la novità stia nel fatto che ora l段potesi antropologica sia stata scientificamente provata con uno studio ad ampio raggio. Quindi si può concludere che chi ha in dotazione il patrimonio genetico adeguato si deve preoccupare di salvaguardare il patrimonio vegetale della terra e chi dipende dal regno animale per la sopravvivenza si deve preoccupare di salvaguardare le condizioni di vita dei suoi amici animali.

Mi pare un buon inizio per una discussione proficua, purché fuori dai social.
 
Pagine: 1
Ti piace questo blog? Aiutami a tenerlo online.


Ci sono 134 persone collegate

< luglio 2018 >
L
M
M
G
V
S
D
      
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
         

Cerca per parola chiave
 

Titolo
diario (162)
feuilleton (33)

Catalogati per mese:
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018

Gli interventi pi cliccati

Ultimi commenti:
Hello, due to the w...
30/03/2018 @ 16:46:00
Di Maci Electrician
Molto divertente! Se...
14/02/2017 @ 18:30:59
Di Anna Berardesca
Come sempre molto ac...
14/02/2017 @ 18:27:17
Di Anna Berardesca

Titolo
Baci da Tulipland o seguito del feuilleton?

 Tulipland!
 Il feuilleton!
 entrambi
 nessuno dei due

Titolo

Disclaimer 1

Tutti i post della sezione FEUILLETON sono un'opera di fantasia. Ogni riferimento a persone, situazioni, avvenimenti reali o realmente accaduti è puramente casuale nonchè involontario.

Disclaimer 2

Invece tutti i post della sezione DIARIO si riferiscono a persone, situazioni e avvenimenti reali.





21/07/2018 @ 15:54:26
script eseguito in 46 ms