Immagine
 ego... di paola
 
"
Sono emigrata in Olanda per amore quindici anni fa. Nei primi dieci anni ho intrattenuto i miei amici sulle usanze olandesi, poi ho cercato di far loro vedere come sono assurde le vicende italiane viste da qui. Adesso racconto semplicemente quello che mi succede.

"
 
\\ Baci da Tulipland : Storico per mese (inverti l'ordine)
Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.
 
 
Di paola (del 19/07/2015 @ 09:28:45, in diario, linkato 703 volte)

Il primo anno di scuola superiore - la famigerata brugklas – è finito e Matteo ha portato a casa una pagella senza infamia e senza lode, nelle sue parole: “Ho preso sei 8, sei 7 e due 6, però sono in Olandese e Disegno quindi non contano.” Tipico Matteo.

Questo anno scolastico è stato un ottovolante e io odio gli ottovolanti. Abbiamo cominciato con una bella serie di insufficienze tra cui spiccavano il 5 in olandese e il 3 in inglese, abbiamo quindi avuto una settimana di crisi isteriche, pianti, minacce, ricatti, bronci e porte sbattute, poi abbiamo commissariato il pargolo: ripetizioni settimanali di olandese, controllo militare quotidiano sugli impegni scolastici, ripasso e interrogazioni prima di ogni compito in classe di qualunque materia. Niente nella nostra esperienza ci aveva preparato a questo; sia io che il vikingo siamo sempre stati studenti modello. A dire la verità nessuno di noi ha mai studiato molto e abbiamo sempre dedicato ai compiti non più di una decina di minuti al giorno però nessuno di noi si è mai sognato di dimenticarsi di fare i compiti o di non prepararsi per un compito in classe. Matteo invece ci ha deliziato per mesi con frasi tipo: “Non ho niente da fare. No davvero.” (il controllo del diario mostra tre scadenze) “Sì, lo so ma non è importante.” (il compito di disegno – segue insufficienza) e l’highlight assoluto: “Ma io i compiti per domani li ho fatti, che cosa c’entra il compito in classe?”

Sì, lo so che esistono pre-adolescenti che si comportano in questo modo, ma non avrei mai immaginato che Matteo sarebbe stato così. Scapestrato e irresponsabile. Lasciato a se stesso non farebbe altro che guardare i video dei vloggers su YouTube o giocare a GTA, Assassin Creed, Minecraft, Titan Fall et al. come sta facendo dal primo giorno di vacanza. Lasciati a noi stessi io e il vikingo avremmo letto un romanzo al giorno, naturalmente dopo le tre ore obbligatorie di gioco in cortile con gli altri bambini. Sempre nelle parole di Matteo: “Ma voi facevate così perché ai vostri tempi non esistevano i computers. La vostra infanzia dev’essere stata una noia mostruosa.”

Probabilmente ha ragione, ci si annoiava parecchio e io in particolare pativo le tre ore obbligatorie di giochi idioti con bambini che mi stavano mediamente antipatici. Per sfuggire all’obbligo avevo preso l’abitudine di andare ogni pomeriggio in bicicletta alla biblioteca comunale dove ho letto tutti i romanzi per ragazzi disponibili all’epoca. È vero che Matteo invece conosce a memoria tutti i video demenziali finora girati, tutte le challenges più idiote, tutte le tecniche di gioco dei games in commercio e tutte le trame di tutti i telefilm che vediamo la sera. Diamola pari e patta, perché non mi va di entrare in un dibattito sul valore culturale di Nancy Drew contro Sheldon Cooper, però le mie scappatelle in biblioteca non mi hanno mai portato a prendere 3 in inglese. Come si fa a prendere 3 in inglese, in Olanda, dove niente viene doppiato e dove i ragazzi sono continuamente esposti a video e games anglofoni? Credo che la mia unica insufficienza sia stata un 4 in fisica a seguito della quale ho preso ripetizioni quotidiane da mio padre fino al compito in classe successivo, dove ho preso una sufficienza che poi ho mantenuto per tutta la carriera scolastica nonostante la fisica per me continui a essere un mistero. Matteo invece si comporta proprio come quelle maledette sfere del laboratorio di fisica che venivano issate in cima a un piano inclinato e poi lasciate andare: solo se sostenuto costantemente dagli sforzi congiunti miei e del vikingo riesce a prendere voti degni della sua intelligenza, ma appena allentiamo la sorveglianza armata precipita di nuovo nelle insufficienze. Nel corso dell’anno ho perfino pensato che lo facesse apposta: appena preso un bel voto smetteva di studiare così da assicurarsi al massimo 6= al compito in classe successivo. Arrivati a giugno ci ha deliziato con tre insufficienze nella stessa settimana, di nuovo inglese e olandese e questa volta dopo sei mesi di ripetizioni e coaching continuo. Io ero sull’orlo delle lacrime e Matteo, irritatissimo, mi ha duramente apostrofato con: “Non farla così lunga, prendere insufficienze è normale, le prendono tutti.”

Qui ho veramente odiato la pedagogia moderna che ci impedisce rispondere a tanta sfacciataggine con una sonora sberla. Il vikingo, come da copione maschile, si è rinchiuso nel suo dolore privato mostrando al pubblico una maschera di rassegnato aplomb e io sono andata a chiedere spiegazioni all’insegnante delle ripetizioni di olandese, la quale mi ha detto che sta cercando di colmare un ritardo di tre anni nello sviluppo linguistico: “Se al bovenbouw (le ultime 3 classi delle elementari) avessero fatto il loro lavoro adesso Matteo non sarebbe così indietro. Ho un sacco di bambini che hanno gli stessi problemi.” ha concluso seraficamente e al mio occhio allenato non è sfuggito un guizzo di soddisfazione al pensiero che i suoi guadagni sarebbero stati assicurati ancora per molti anni. Stante che picchiare o denunciare i maestri della scuola elementare non avrebbe risolto il problema, sono andata a scartabellare le mails di Matteo per appropriarmi del programma dell’ultima prova scritta, quella determinante ai fini del voto, che ho prontamente inviato all’insegnate di ripetizione con preghiera di concentrare il lavoro su quello e lasciar perdere gli arretrati. Dopodiché ho fatto l’unica altra cosa possibile: ho staccato la spina del PC. Quando dopo una snervante attesa di parecchie settimane è arrivato il voto – un 7+ che facendo media con le insufficienze garantiva il 6 in pagella – credo di aver toccato il cielo con un dito. Ma solo per poco: giusto il tempo di tirare il fiato e poi ci tocca issare la maledetta sfera sul piano inclinato del rientro dalle vacanze.

Ci penserò domani.

 
Di paola (del 12/07/2015 @ 11:40:12, in diario, linkato 766 volte)

Sapevo benissimo per chi stavo emigrando: un hippy che viveva nella cantina di una casa studentesca, aveva sì e no tre magliette senza buchi, girava per casa palle all’aria e aveva come ideale di vita The Big Lebowsky. Amo Martien (il vikingo) incondizionatamente, come amo il frutto dei nostri cromosomi congiunti, Matteo. Ma mi incazzo anche, quotidianamente, alla totale indifferenza con cui vengono accolte le mie richieste di mantenere un minimo sindacale di ordine e pulizia nella casa che dividiamo con i nostri tre gatti. A ben vedere i tre gatti sono più ordinati degli M&M’s. Se non altro non lasciano per terra vestiti e asciugamani sporchi, piatti da lavare sopra la lavapiatti vuota, un tappeto di briciole sotto il tavolo e un quintale di cianfrusaglie sparpagliate per ogni dove.

È vero che le apparenze ingannano sempre. Quindici anni fa ero rimasta affascinata dalla buona educazione del vikingo che – disordine a parte – si lavava e si pettinava scrupolosamente ogni dodici ore e lasciava il bagno immacolato, lavava e asciugava i piatti dopo ogni pasto, lavava, stendeva e piegava con cura la biancheria, passava l’aspirapolvere in continuazione e gestiva il complicato sistema della spazzatura differenziata senza fare un plissé. Ah, i bei tempi della Nieuwe Nonnendaalseweg!

Sarà stato l’arrivo di Matteo a sconvolgere il delicato equilibrio della nostra convivenza post-studentesca o il trasloco in una casa di nostra esclusiva proprietà? La seconda che hai detto, direbbe Guzzanti. Le doti casalinghe del vikingo spiccavano positivamente nel confronto con i coinquilini di allora: veri studenti scapestrati, sporchi e disordinati. Nel contesto di una convivenza coniugale invece spiccano negativamente tutti quegli aspetti che non avevo notato, peraltro accecata dalle fiammeggianti chiome del vikingo e dalla giostra dei miei ormoni. Ora che i suoi capelli stanno diventando grigi e la menopausa ha placato i miei ormoni, i miei occhi sono sempre più spalancati sull’inconciliabile diversità degli standard maschili. Perché è evidente che le nostre nozioni di igiene, pulizia e ordine viaggiano su due binari irrimediabilmente paralleli. Gli M&M’s mi considerano una nevrotica non soltanto perché non tollero l’utilizzo di mollette spaiate sullo stendibiancheria (lo ammetto, questa è una vera nevrosi) ma perché mal sopporto i mucchi di biancheria stesi sul dorso delle sedie in attesa di essere piegati e le pile di libri, giornali e quaderni sparsi su tutti i tavoli del soggiorno. Matteo in particolare non sopporta la mia mania di esigere che si presenti a tavola con le mani lavate col sapone; per il vikingo un rapido sfarfallio di dita sotto un parco rivolo d’acqua del rubinetto è più che sufficiente. E curiosamente, il vikingo non tollera le briciole lasciate sotto il tavolo della sala da pranzo e corre a prendere l’aspirapolvere dopo ogni pasto, ma ignora allegramente le briciole sul pavimento della cucina e le impronte di scarpe infangate in ingresso. E a proposito di scarpe, per quanti armadietti, appendini e scatoloni io comperi, le scarpe degli M&M’s conoscono solo un ripostiglio: il pavimento dell’ingresso.

 
Di paola (del 05/07/2015 @ 14:09:16, in diario, linkato 703 volte)
Oggi invasione di formiche. Gli M&M's in preda al panico: credo sia la prima volta che ne vedono una. Del resto l'ultima ondata di caldo risale al 2003, quando Matteo aveva meno di un anno e io ho invitato i miei a passare l'estate qui con le leggendarie parole: "al massimo 25º e di sera viene perfino freddo." Segue una settimana a 35º anche di notte. Come ieri. Tornando alle formiche, non e stato furbo ieri sera lasciare i bicchieri con i resti di limoncello sul piano di lavoro (per quanto mi sgoli non riesco a far capire che con la stessa fatica si mettono nella lavapiatti dieci centimetri sotto) e il vikingo mi accoglie al risveglio con la rassicurazione: "abbiamo pulito tutto, ma continuano a venire, ci vuole sempre un po' prima che si accorgano che qui non c'è più niente da mangiare." E se ne va a fare jogging. Io mi guardo intorno: il pavimento è pieno di briciole, il piano di lavoro pure, fuori un savoiardo abbandonato in mezzo al tavolo. Questo è il concetto di pulizia degli M&M's. Credo di aver trovato l'idea per il mio blog: la mia vita con due pirla (nel senso di proprietari di un pene). Che ne dite? Interessa?
 
Pagine: 1
Ti piace questo blog? Aiutami a tenerlo online.


Ci sono 70 persone collegate

< luglio 2018 >
L
M
M
G
V
S
D
      
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
         

Cerca per parola chiave
 

Titolo
diario (162)
feuilleton (33)

Catalogati per mese:
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018

Gli interventi più cliccati

Ultimi commenti:
Hello, due to the w...
30/03/2018 @ 16:46:00
Di Maci Electrician
Molto divertente! Se...
14/02/2017 @ 18:30:59
Di Anna Berardesca
Come sempre molto ac...
14/02/2017 @ 18:27:17
Di Anna Berardesca

Titolo
Baci da Tulipland o seguito del feuilleton?

 Tulipland!
 Il feuilleton!
 entrambi
 nessuno dei due

Titolo

Disclaimer 1

Tutti i post della sezione FEUILLETON sono un'opera di fantasia. Ogni riferimento a persone, situazioni, avvenimenti reali o realmente accaduti è puramente casuale nonchè involontario.

Disclaimer 2

Invece tutti i post della sezione DIARIO si riferiscono a persone, situazioni e avvenimenti reali.





21/07/2018 @ 15:46:42
script eseguito in 156 ms